Passo del Lavinàl (Forni di Sopra)

Questa gita, fin troppo evidente  dal parcheggio di Chiandarèns, il solito punto di partenza per Pecoli, Urtisiel, Busas e Scodavacche varie, è stata per me un  punto di domanda  fin dalle prime esperienze scialpinistiche. Credo di essermi chiesto ogni volta che si imboccava  la pista forestale in direzione del Rifugio Giaf: ma questi  due canali, molto più vicini ed evidenti, si sciano o no?

Una risposta per la verità l’avevo avuta quando mi regalarono il bel libro “Scialpinismo in un’isola di silenzio” Guida alle Dolomiti di Oltre Piave, di Loris De Barba (Ed. ViviDolomiti): addirittura tre gite consigliate, nei pressi del canale che porta al Passo del Lavinàl, di sicuro più conosciuto ai runners, perché vi transita il famoso ultra trail  “dai scluops”.

Oggi la tempistica dei partecipanti e il tempo atmosferico previsto non sarebbero stati  l’ideale per andarci a dare un occhio. Fatto sta che, giunti all’ultimo tornante destrorso in direzione del Rifugio Giaf, con idee abbastanza confuse sul dove andare, attratti dal cartello che introduce a una  bretella della pista forestale, ci siamo alla fine trovati in mezzo  a questo benedetto canale, che ci ha regalato una delle più belle sciate di sempre, su neve a tratti favolosa.

Senza farla tanto lunga: raccomandiamo questo itinerario a tutti gli scialpinisti curiosi, che si siano stufati dei Pècoli ma non delle Dolomiti di Forni. Per la verità non siamo arrivati proprio in forcella: non ne avevamo il tempo. Ma quel centinaio di metri mancanti non potranno   che arricchire il campionario.  La guida di De Barba consiglia un approccio più diretto, seguendo la pista che affronta  il primo guado, un po’ prima del ponte di legno, ma credo che oggi  abbiamo  fatto la scelta migliore, andando verso il Giaf e tagliando al tornante, perché la strada era ben livellata e con un micro spolverino ideale per non correre troppo al rientro. Giunti nel canale, si evitano le briglie sulla destra e più in alto, nei pressi di un avancorpo roccioso, si va a sinistra, come la pendenza e il naso, oltre che la cartina Tabacco, consiglierebbero.

La gita prevede 1000 metri di dislivello e una difficoltà tra MS e BS. Oggi la parte alta aveva uno strato crescente di neve farinosa su fondo duro. In basso lo spolverino consolava sempre meno e le lamine hanno fatto il loro sporco lavoro. Siamo rientrati sulla bretella verso il Giaf, con due brevi risalite e un provvidenziale taglio nel bosco che  ne ha evitate altre.

 

Annunci

~ di calcarea su gennaio 16, 2018.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: