La falesia di Vigànt

vigant 002

Da circa un anno ho cominciato la chiodatura  quasi sistematica di alcune falesie nei dintorni di Tarcento. Da questa incontenibile smania sono venute “alla luce” le falesie di Stella e Crosiis.
Ci tenevo particolarmente a scovare delle pareti vicino casa, un po’ per non fare tanti chilometri per scalare e un po’ per la necessità di legarmi ancora di piu alla mia terra, che tanto mi era mancata durate il  soggiorno austriaco.
Inoltre sono sempre stato affascinato dalle bellezze della valle del Torre , del Cornappo e dal Gran Monte che le domina, in fondo ho anche radici in quei luoghi. Sono  nipote della tigre di Monteaperta che tra parecchi litri di vino e simpatiche comparse a Portobello mi ha lasciato indelebili quanto melanconici ricordi.
Insomma c’erano tutti gli ingredienti per cominciare i miei lavori, poi  arrampicando in una delle falesie appena chiodate ho trovato l’energico ed entusiasta Umbero Iavazzo di Trieste, alpinista d’altri tempi che immediatamente mi ha suggerito una visita alla falesia di Vigant.

vigant 001

Avevo già sentito parlare  in passato di questo posto al quale si accedeva calandosi dall’alto.
Sapevo  che questa falesia era stata chiodata circa 20 anni fa da Gabriele Lendaro , Walter Cussigh (detto Vallanzasca) e dall’allora già famoso Valter Bernardis in arte Asterix.
Così  dopo averci pensato un po’  ho deciso di richiodare la parete e dopo il primo sopralluogo la motivazione è salita alle stelle. Ero consapevole che sarebbe stata una falesia non molto comoda, ma il posto e l’eccezionale qualità della roccia mi hanno convinto, togliendomi qualsiasi dubbio .
Il lavoro è stato piuttosto impegnativo ma ne è valsa la pena poiché lo ritengo un piccolo e prezioso gioiello delle valli, un balcone sulla pianura e naturalmente ne sono entusiasta.
Non credo che qui ci saranno problemi di affollamento dato che si tratta di una piccola falesia e anche un po’ scomoda, ma ne consiglio una visita a coloro che amano l’avventura e la bella roccia.

vigant alberto
Tengo ad informare che per la frequentazione di Vigant è assolutamente necessaria competenza alpinistica. Per accedervi, come dicevo, è per il momento obbligatoria una calata fino ad una cengia esposta, dove  per fare sicura  occorre legarsi allo spezzone di corda fissa che collega le partenze delle vie.
Sono stati chiodati 9 tiri tra vecchi e nuovi, lunghi dai 25 ai 35 metri, con difficoltà che vanno dal 6a al probabile  7c. Oltre alla parete classica, è mia intenzione ampliare la fruibilità aggiungendo diversi altri tiri nella parete attigua sempre su ottima roccia.

Partendo da destra :
1) In caso di sete 6a
2) Vallanzasca 6b+
3) Placchette colorate 7a +
4) La tigre di Monteaperta 7b/b+
5) Fessura 6a +
6) Senz’ altro 6c+
7) L’alegrie e je dai giovins 7b+
8) E no dai vecjos maridas
9) Forever

vigant polo

Acesso: da Tarcento fino a Villanova delle Grotte , da qui in direzione Monteaperta fino all’altezza del ristorante Terminal Grotte, dove  si imbocca la strada per borgo Vigant. La si percorre fino al termine dove c’è il parcheggio. Dal parcheggio si imbocca la strada sterrata di destra la si segue per circa 50 metri lasciando sulla sinistra una casa. Si superano degli alberi abbattuti e si prosegue diritti su traccia per 20 metri. Si sale quindi verso destra fino a raggiungere un piccolo intaglio tra due sassi dal quale si puo vedere la traccia che prosegue in ripida discesa fino a raggiungere le corde fisse.
Dalle corde si segue quella colore azzuro che con breve arrampicata porta alla catena per la calata. Da qui si scende direttamente in cengia percorrendo in calata la via “ Fessura”

Colgo l’occasione per ringraziare Gabriele Lendaro che insieme ad Asterix hanno scovato e chiodato per primi la parete, e Umberto Iavazzo che mi ha segnalato il luogo ed aiutato a chiodare due tiri.
Voglio anche ricordare Walter Cussigh detto Vallanzasca di cui ero molto amico e con il quale ho mosso i primi passi in montagna, che purtroppo  non cè piu. Opera sua sono due tiri, uno a Vigant e uno a Stella, ai quali abbiamo dato il suo nome per ricordarlo sempre .
Aggiungo un particolare ringraziamento a Michela Ninino che molto cortesemente e facendo parecchi chilometri ha fotografato la parete.

vigant paesaggio

Annunci

~ di calcarea su gennaio 5, 2015.

8 Risposte to “La falesia di Vigànt”

  1. Aggiungo alcuni aggiornamenti . Alberto DS ha liberato “la tigre di monte aperta ” valutandola 7a+ . Si tratta di un tiro davvero spettacolare sia per la qualità della roccia sia per il tipo di arrampicata che richiede .
    Abbiamo pulito e provato anche ” forever ” ,altro tiro superlativo ma di difficoltà sicuramente maggiori stimate intorno al 7c .
    Ho cominciato a chiodare il settore in basso a destra dove ho spittato 5 tiri su roccia ottima di difficoltà più abbordabili .
    Si tratta di un settore non molto alto raggiungibile mediante l”accesso creato da Alberto DS . I lavori di pulizia in questo nuovo settore sono in corso e sono impegnativi ma il posto e’ interessante . Ci sono inoltre ulteriori possibilità di aggiungere tiri nuovi in settori limitrofi . Ovviamente per il momento i lavori li stiamo facendo io e Alberto per cui tutto va un po’ più lentamente . Se ci fosse qualche buona anima disposta ad aiutare un po’ sarebbe tutto più rapido .

  2. Com’e’ orientata e quante ore di sole prende?
    Si asciuga velocemente dopo le piogge o no?
    ciao

  3. Confermo la bellezza del tiro “la tigre di Monteaperta”; fermo restando che le valutazioni sono personali, a mio modesto parere si tratta di uno dei più bei tiri della regione; anche nel settore inferiore ho scalato su un 6a+ su roccia eccezionale; davvero complimenti a Giulio, anche per il lavoro mastodontico per raggiungere la base delle pareti sotto! E ad Alberto per la sistemazione del sentiero, anche se ancora da rifinire; ora le pareti si possono raggiungere anche evitando l’esposta calata.

  4. Ancora un breve aggiornamento da Vigant: Giulio ed io abbiamo provato tutti i 6 tiri della parete bassa, le difficoltà sono medio-basse (5 vie tra il 5c e il 6c, una da liberare attorno al 7a/7a+) su roccia splendida anche se ancora un pò sporca di licheni (con un tiro, il terzo, davvero eccezionale per bellezza), che si ripuliranno con le ripetizioni; alla base non è comodissimo, ma tutto sommato è sopportabile!

    • E’ un piacere constatare come ci sia ancora qualche chiodatore che si dedica alle vie di tutte le difficoltà. Bravo Giulio, grazie a te e ai chi ti ha aiutato!

  5. Grazie dottore….proprio ieri ho sistemato la corda su un altro settore interessante sulla sinistra in basso . Credo possano starci altri 4 o 5 tiri sicuramente interessanti

  6. Breve aggiornamento su Vigant : ho aggiunto due tiri in basso a sinistra di cui uno di 6b+.
    Ne aggiungerò altri sempre a sinistra lunghi e su roccia ottima .
    Colgo l’occasione per rettificare 2 nomi delle vie di vigant alta poiché suggerite da un caro amico e da me riportate erroneamente .
    La numero 5 si chiama ” senza dubbio ” e la numero 9 si chiama ” dura lex sed lex ” . Doverosa precisazione .., buone arrampicate a tutti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: