Croda da Campo (2712 mt.)

Ogni volta che torniamo dal Comelico dopo una gita di scialpinismo ci chiediamo se valga la pena sobbarcarsi  chilometri in auto  e fatica per raggiungere i Tauri o le Dolomiti, quando a due passi  da casa abbiamo un vero paradiso ancora (almeno per noi) da esplorare.

Da Sappada a Sesto, compresi Brentoni e  Val Visdende,  ma soprattutto in destra orografica di Passo Monte Croce Comelico, ci sono innumerevoli canali e pendii per tutte le esposizioni e capacità. Basta aver voglia di scoprirli.

Ieri siamo stati sulla Croda da Campo, una delle sciate  più abbordabili nel novero di quelle mediamente ripide e poco esposte, in ambiente maestoso e con poco fastidio nell’avvicinamento.

Unica pecca la qualità della neve nella parte intermedia, piuttosto crostosa. Ma non si può pretendere la perfezione, vi pare?

Si lascia l’auto poco oltre Padola, direzione Auronzo per Passo San Antonio, in località Pian Ciadastier (poco prima del Lago Sant’Anna). Si imbocca a piedi una pista e dopo una ventina di minuti si mettono gli sci.

Al bivio per Casera Aiarnola si tiene la sinistra direzione Monte Aiarnola e, fuori dal bosco, si punta alla testa del Giao di Caneva, dove spicca evidente la parete gialla che porta il nome di una guida di Sesto, Michele Appacher.

Tolti gli sci, abbiamo seguito le buone impronte lungo il canale che gira verso destra circondando il pilastro. Si sbuca su un’ampia forcella a quota 2600. Qui la stanchezza ci ha impedito di aggiungere altri 100 metri di dislivello e raggiungere la vetta traversando a ovest.

Discesa con neve ideale nel canale, levigata e non troppo dura. Nel Giao di Caneva si cercano i lastroni più duri per evitare la crosta, poi il sentiero e la stradina sono ben sciabili. Consigliabile togliere gli sci dove li si era calzati all’andata.

Dislivello 1350 (noi 1200), orientamento est, poi sud. Difficoltà OSA, pericolo come da bollettino. Voto cinque stelle!

Altra bella sciata appena a est il Monte Aiarnola (cerca in questo blog). Bibliografia “Scialpinismo in Comelico Sappada” ed. Vividolomiti

~ di calcarea su febbraio 17, 2020.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: