La parete di arrampicata del “Gjalinar” a Tolmezzo

Già dallo scorso autunno abbiamo cominciato a frequentare la palestra di roccia del Gjalinar, una parete “cittadina” alle spalle delle ultime case di frazione Betania, nota finora agli scalatori locali come la falesia incompiuta. Infatti a parte una vecchia via mezzo alpinistica tentata nei primi anni ’80 dai soliti Mazzilis e De Rovere, qui ci sono stati molti sopralluoghi e poco costrutto. Personalmente la roccia mi è sempre sembrata sporca, umida e fragile e l’orientamento poco favorevole. Anni fa Nicola e Sandro ci misero una corda fissa, con l’intenzione di iniziare i lavori, ma la sparizione  della stessa li deve aver convinti che qualcosa o qualcuno non gradiva.

C’è allora voluta la buona volontà di Stefano Veritti per baciare il rospo e rompere l’incantesimo. Non fraintendete il riconoscimento di volenteroso: in questa caso si è trattato davvero di lavoro duro di gomito, con numerose spazzole disintegrate a tirar via il lichene e la polvere. Da nera la parete è diventata grigia e ha sdoganato una miriade di appigli che rendono la scalata tecnica, varia e divertente: gocce, liste, canne, persino qualche bel buco! La base della parete è stata trasformata in un comodo pendio terrazzato senza badare alle spese e ai carpini, con la direzione dei lavori di Simone.

Le vie sono state ripulite anche dalle  numerose ripetizioni, perché il posto ha immediatamente  conquistato il gradimento della maggioranza dei climbers. La chiodatura è ottima e alcune vie hanno una sosta intermedia per garantire qualche possibilità attorno al 6a. L’unico difetto della parete è di asciugare con lentezza dopo piogge abbondanti.

Ecco un elenco delle vie (nessuna supera i 25 metri),da destra a sinistra:

Il Gjalinar 6a+, allungata  7a+ ; Le Galline con le spine 5c; Milioni di Opilionidi  6a+, all 7a+;  Paolini 6a, all 7a+ (?);  Ghiro Pratico 6a, all. 7a+ (variante alta a sin 6c+);  P.S.: I Love you 7a;  Scoiattolo 6b, all. 7b;  Oddio!! Canne!! 7a, all NL ;  Suini Coraggiosi 7a;  La cozza  6c+, all 7a ;  Eccelso NL ; ALD ; 7b+Chiodo Fisso 6c, all 7b;  Zelena 7a+; Il coppa 6c.

Il Gjalinar si raggiunge salendo in auto da Tolmezzo verso Illegio. La parete è ben visibile sulle pendici del Monte Strabut poco oltre le ultime case, nei pressi dell’incrocio con Via Betania, di recente resa a senso unico, tanto per farsi ridere.  Si parcheggia nel prato antistante la parete e si segue il sentiero che all’inizio costeggia la recinzione del pollaio. Orientamento sud. Grazie mille al Verza!!!

 

 

 

Annunci

~ di calcarea su febbraio 2, 2018.

2 Risposte to “La parete di arrampicata del “Gjalinar” a Tolmezzo”

  1. Verremo anche noi (bisiachi) a fare un salto in questo bel posto. Tanto per non avere sorprese i gradi carnici sono quelli di ieri o di oggi? 😉

  2. Di domani! Qui siamo avanti….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: