Bulgaria

IMG_3754

La Bulgaria è la patria di Cirillo e Metodio, due frati ortodossi che inventarono l’alfabeto cirillico nel lontano nono secolo d.c., ma anche terra di splendidi luoghi e di città come Plovdiv che sarà citta europea del 2019, della Valle delle Rose, dei monti Rodopi, Pirin, il monastero di Rila, e per chi non lo sapesse anche di numerose e belle falesie da scalare. Non si dimentichi anche il Mare Nero, bello almeno quanto il nostro Adriatico e… per niente nero.
Ammetto …per me’ stato un vero bagno di umiltà e ci voleva, tanto per farmi scendere al giusto livello, un opportunità per capire che con i sani principi ci si può accontentare di poche cose nella vita e che” comunquemente” la dignità non ha prezzo.

IMG_3742

E come nelle migliori fiabe i veri protagonisti di questo viaggio sono stati i bambini…proprio loro che non conoscono i confini,  ai quali non servono passaporti e, pur parlando lingue diverse, riescono a comunicare oltrepassando ogni bieca forma di razzismo.

Ma veniamo al dunque ….

IMG_3744

Abbiamo raggiunto la Bulgaria con un volo da Klagenfurt a Varna, bella citta sul mare nella parte settentrionale. Da qui con auto a noleggio ci siamo spostati a Slatni Piasazi o Gold Sand (sabbia dorata) a circa 15 km da Varna . Molto simile a Rimini o Riccione con grandi alberghi e spiagge sabbiose molto pulite.
In piu occasioni abbiamo visitato la città natale di Nadia ovvero Dobric utilizzando una strada piuttosto scomoda e poco scorrevole (l’unica) che però attraversa una splendida regione tra colline verdeggianti e pianure con estesissime coltivazioni di girasole e lavanda. Boschi selvaggi , paesini piccoli a prima vista molto poveri in contrasto con Varna e  località balneari dove il costo della vita è praticamente uguale al nostro. Villaggi fatti di case semplici  dove si viaggia ancora con i carri trainati dagli animali.

IMG_3745
Dobric è una città non molto grande con circa 90.000 abitanti, fatta di palazzi in vero stile sovietico ma con una via centrale moderna ed estetica.
Come dicevo all’inzio in programma era contemplata la visita alla falesia di Chiudnite Skali, a circa 90 km da Varna, attraverso le piccole cittadine di Provadia e Dulgopol. Anche in questo caso il viaggio , seppur breve nel numero di km, è stato piuttosto faticoso poiché servito da una strada di non comoda percorrenza.

IMG_3750
La falesia è sita in prossimità di un caratteristico laghetto artificiale contornato da colline e boschi idilliaci. Ottima location per scalare in estate e fortemente raccomandata da un local contattato attraverso facebook. Tiri in strapiombo su roccia a banchi simile ad Erto con chiodatura quasi moderna ed in alcuni casi ravvicinata.

IMG_3751
Il nostro viaggio poi è proseguito alla volta di Slancev Briag (spiaggia del sole) sempre al mare ma  100 km a sud di Varna. Questa località, vicinissima alla splendida Nesebar, purtroppo è stata la nota dolente del viaggio . L’espressione degli occhi di mia moglie durante la permanenza in questo luogo faceva intendere in pieno lo sgomento nel vedere quello che  ricordava come un piccolo paradiso ed ora è invece  null’altro che un insieme di orrendi e oltremodo sfarzosi hotel alti più di 10 piani .
Un contrasto paradossale, come detto in precedenza, tra la gente che appena sopravvive e  una smisurata ricchezza ed un urbanistica assassina che ha sconfitto in pieno il  rispetto per il territorio e per l’ambiente, ricettacolo di miliardari dell’est il cui unico scopo è estendere il proprio potere e la propria arroganza su un popolo fiero ed attaccato alla propria storia.

IMG_3748
Relativamente al cibo, per un italiano come me abituato ad una cucina come la nostra, non è stato cosi semplice abituarsi a nuovi sapori anche se in realtà non molto diversi da quelli mediterranei.
Pietanze ricche di spezie contornate da verdure saporitissime, peperoni , cetrioli e frutta sempre molto gustosa.
Per coloro che non temono nuovi traguardi culinari sicuramente Nadia consiglia il tarator ( yogurt ,cetrioli acqua e finocchietto), la sciopska salat (pomodori, cetrioli e feta) , cavarmà ( una specie di peperonata con carne e cipolla), sarmi’( involtini di verza carne e riso), la famosa baniza (torta salata a base di feta, latte e yogurt) e la liutenitza ( salsa di peperoni pomodori e melanzane) da spalmare sul pane.
Rammento che, come in Italia , vino ed alcolici abbondano ed è usanza, prima di ogni pasto che si rispetti, bere la rakia ovvero una potentissima grappa capace di stendere anche i piu accaniti bevitori.

IMG_3753
Questa, in poche parole, la Bulgaria…anzi solo una piccola parte di essa poiché molto c’è ancora da vedere, forse addirittura la parte piu interessante.
Sarà certamente un nostro obbiettivo quello di ritornare e di poter visitare altre citta quali Sofia e Plovdiv e naturalmente le fantastiche montagne che cosi bene Nadia mi ha descritto.
Aggiungo che in queste terre ci sono numerosissime falesie per scalare ma maggiormente concentrate nelle aree limitrofe a Sofia e Plovdiv.
Per chi fosse interessato consiglio di visitare il sito http://www.bgclimbing.com , anche in lingua inglese, dove si possono trovare recensioni di  falesie e molte altre utili informazioni anche a carattere alpinistico e scialpinistico.

IMG_3743
Concludo questo resoconto affermando con entusiasmo che per me è stato un vero privilegio conoscere questa bellissima gente e naturalmente è un  privilegio ancor più grande  essere sposato con una donna bulgara . Anche io ho origini slave e ne vado fiero, a maggior ragione adesso che ho conosciuto la loro anima ….
Mi auguro di poter quanto prima pubblicare un nuovo post che descriva il resto di questa terra nella speranza che qualcuno sia invogliato a visitarla e magari andarci anche a scalare… ma credo che non sarà cosa facile…. Dovisdane Bulgaria ( arrivederci Bulgaria).

Giulio

IMG_3759

IMG_3740

Annunci

~ di calcarea su luglio 31, 2015.

2 Risposte to “Bulgaria”

  1. Cinghiale bastardo non ti facevo cosi sentimentalista, si vede che e un bel po’ che non ci frequentiamo.Magari se mi porti a fare due tiri in quel posto cambio idea. Mandi giulio

  2. Vecchio cinghiale bisognerebbe andare a vedere tutte le altre pareti per scalare perché sono super . Il prossimo anno facciamo il biglietto e andiamo .
    Ho dovuto essere essere sentimentalone altrimenti la Nadia mi lasciava in Bulgaria …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: