Forcella Undici e Sentinella dalla Val Fiscalina

IMG_0589

Siamo tornati nel paradiso della Val Fiscalina per una delle innumerevoli sciate che offre, consigliata dai nostri agenti del Comelico. Messa da parte almeno per quest’anno l’idea di affrontare il temibile Popera, abbiamo creduto di scegliere una gita meno impegnativa tornando al Passo della Sentinella, questa volta da nord ovest. La neve dura, ghiacciata nel tratto di canale più impegnativo, ci ha presto riportato alle solite considerazioni sullo scialpinismo e la valutazione delle difficoltà: anche un pendio non troppo ripido può diventare preoccupante se la neve non molla!

IMG_0606

Detto questo, sottolineiamo che la gita verso il Passo della Sentinella da nord è una delle più belle della zona. Rispetto ad una settimana fa, abbiamo trovato meno neve nei ghiaioni di fronte al Rifugio di Fondovalle. Quando si è trattato di mettere gli sci la neve era bella dura e abbiamo optato per la prosecuzione a piedi. Giunti nell’ampio catino, abbiamo deciso di salire prima la Forcella Undici, che stava prendendo un po’ di sole. Ne è valsa la pena: il panorama dalla forcella è magnifico.

IMG_0583

Verso Forcella Undici

In discesa la neve variabile e in qualche tratto molto dura ci ha permesso comunque una sciata piacevole e non banale (occhio ai lastroni!). Tornati nel catino di diramazione, non ce la siamo sentita di rinunciare all’obiettivo prefisso in partenza e così, calzati questa volta i ramponi, siamo faticosamente saliti fino al Passo della Sentinella.
Il rumore degli sci e le derapate di un gruppo di scialpinisti tedescofoni ci hanno confermato quello che i nostri occhi facevano finta di non vedere, sotto forma di luccicare della neve al tanto atteso giungere del sole nel canalino.

IMG_0598

Dopo una piacevole attesa al sole in compagnia di altri scialpinisti friulani, abbiamo deciso che era ora di scendere. Ma la neve non aveva per niente mollato. Così, tra una derapata e una curva, con gli occhi ben spalancati e qualcos’altro ermeticamente chiuso, abbiamo finalmente raggiunto i pendi aperti, ancora abbastanza duri ma ben sciabili. Più in basso bellissimo firn interrotto solo parzialmente da un’improvvida sortita tra i mughi che ci è costata qualche minuto di battaglia amazzonica.

IMG_0602

Rientrati sul fondo del rio, si scia su neve slavinata ma ben pistata dai passaggi. Ghiaione finale a piedi e bretella di sci di fondo ancora sciabile fino al parcheggio.

Dettagli: dislivello 1700 mt circa, difficoltà BSA, orientamento nord ovest. Pochi scialpinisti in giro, tra questi i nostri amici di Santo Stefano che hanno fatto la traversata del Lastron dei Scarperi con discesa della Lavina Bianca, gita che ci piacerebbe un giorno affrontare.

IMG_0595

Discesa da Forcella Undici

 

~ di calcarea su aprile 21, 2015.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: