Ultimissime – autunno 2014

ottobre 2014 ferie 010

Negli ultimi due mesi si sono accumulate un po’ di novità. Per merito di un ormai insperato bel tempo si è prolungata la stagione delle visite ad Avostanis, anche quest’anno molto  frequentata da scalatori di fuori regione (moltissimi veneti).

Dopo un anno sabbatico abbiamo ripolverato  la sana abitudine  di  scovare spazi da riempire con nuove vie. E  vi assicuro che  ce ne sono ancora parecchi e per tutte le difficoltà. Per ora sono stati aggiunti due nuovi tiri, uno nella zona sinistra, proprio a fianco del mitico “Totanbot”, con il quale condivide la sosta. Il nome, suggeritoci dalla frase di un climber che stava scalando lì vicino, è “Le mani in tasca”. Difficoltà orientativa 7b, tiro splendido.

ottobre 2014 ferie 015

Il secondo tiro  chiodato si incunea tra Kodachrome e Rodinal e sale per oltre 30 metri (obbligatoria corda da 70!). Si annuncia come abbastanza difficile (7c?). Può essere spezzato a metà sostando alla catena di Rodinal. Fin lì potrebbe essere un 7a.  Tra Kodachrome e Forellen stiamo attrezzando un’altra bella via, che speriamo di finire in settimana. Dovrebbe avere una prima catena con difficoltà molto contenute e una partenza più umana rispetto a Forellen, per cui potrebbe essere il vero tiro facile del settore.

avostanis mani in tasca

In Val di Collina sono nati altri due tiri all’estrema destra della parete, oltre il gran diedro dei Vedrans. L’ultima, già testata, è una lunga placca con partenza verticale vagamente atletica. Difficoltà variabile a seconda di come si affronti il tratto chiave, a 2/3 della via. Stando in placca lungo gli spit o leggermente a sinistra 7b/b+, sfruttando la fessura di destra 7a. La penultima via ha invece una difficile sezione iniziale di dita che potrebbe vagare attorno al 7c/+.

ottobre 2014 ferie 050

Abbiamo poi iniziato, con la partecipazione e supervisione del suo scopritore, la Grande Guida,  l’ avventurosa  attrezzatura  di alcuni itinerari del “Salto”, una delle poche zone di arrampicata del Pal Piccolo dove sia ancora possibile dedicarsi alla scalata senza l’uso degli spit, ma anche un  solitario e panoramico balcone con  una roccia alla quale il trapanatore compulsivo fa fatica a resistere. Così, con l’accortezza di preservare le famose linee naturali esistenti , ma  con la smania di vedere nascere  su fantastici muri improteggibili  delle nuove  per l’ arrampicata libera, abbiamo finalmente piantato i primi spit, proprio a fianco della magnifica fessura di “Super crak” (De Rovere, Morocutti, 1981). Ne è nato un primo tiro veramente straordinario e difficilotto (7a+?). Vi terremo informati sulle altre chiodature in cantiere e sull’accesso, che avverrà attraverso la falesia del Tornante, in  una decina di minuti.

ottobre 2014 ferie 016

Un’ultima notizia sulle chiodature riguarda l’attività ormai incontenibile di Giulio “falcetto” Moscatelli, che dopo aver ultimato due nuove falesie durante l’inverno, con vari collaboratori, ha iniziato la lodevole opera di richiodatura di un sito “maggiore” sempre nella stessa zona, la valle dello Stella. Un ringraziamento enorme a nome del popolo dei climbers, compresi i molti che non fanno l’8a, considerando che  in queste nuove proposte  ci sono vie per tutti, dal 5c in sù!

A Illegio Gino ha realizzato la prima ripetizione di “Supernico” e Ach quella della nuova via, variante all’ “Obliqua” . C’è stata una discreta frequentazione estiva ed autunnale nella nostra vecchia falesia cittadina. Anche molti non tolmezzini  si stanno rendendo conto di quanto interessanti e importanti siano alcune vie di questa parete, che mantiene un livello di usura della roccia (leggasi unto) molto basso e un’estrema comodità di accesso (rispettando i limiti ben noti).

ottobre 2014 ferie 076

Restando al calcare, vi segnalo che Giulio ha liberato al secondo tentativo una delle vie, per ora la più difficile (7b+?), al settore “Caparezza” di Villanuona.  Bel colpaccio anche per Matteo X, che è riuscito “flash” sul magnifico 7c della falesia del Lumiei.

ottobre 2014 ferie 063

Passando al conglomerato carnico, vi racconto che il Deca ha ripetuto “I ruggenti 60” a Somplago, mentre sia Toni che Alex hanno ripetuto  in Parete Blu la via più difficile della parete, dove c’è un discreto via vai con numerose on sight, il tutto sorvegliato dall’onni  e olfatto-presente Virgus. Proprio in Parete Blu  la dottoressa ha messo a segno il suo secondo colpo del periodo, salendo dopo “Virgus” (la via…)  anche la difficile “Gradi e gradassi”.

ottobre 2014 ferie 060

Annunci

~ di calcarea su ottobre 28, 2014.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: