(Super!) Giro degli Stavoli Pantiàne

pantiane 010

Voglio candidare questa di oggi  al titolo di “gita dell’anno”, anche se  il mio peregrinare ciclistico per il 2014 è stato, almeno con la mtb, di scarso interesse.E quindi i termini di paragone sono scarsi.  Ma tra le novità, almeno per il sottoscritto, questo breve anello, di attrattiva paesaggistica molto limitata e dislivello quasi pensionistico, è stato per davvero la rivelazione della stagione.

Avevo scritto di questi sentieri in uno dei primi post di Calcarea, per l’anello che partendo da Cima Corso portava fino al letto del Tagliamento, in Caprizzi, per poi risalire attraverso una pista che si stacca dalla Forca di Priuso e ritorna sulla dorsale. Poi, qualche giorno fa, una serie di coincidenze, la salita al Monte Rest con Gjate in bici da corsa e l’acquisto dell’ultimo aggiornamento della cartina Tabacco 02, dove sono tracciate le nuove piste forestali realizzate da queste parti, mi ha fatto meditare su altre possibilità.

Così mi son fatto una perlustrazione a piedi, intuendo subito che questo sentiero, che dai ruderi degli Stavoli Pantiane porta alla borgata di Lunas, sarebbe stato una vera figata in sella alla mtb.

pantiane 004

Il giro parte da Caprizzi, dove si affronta con sensazioni alterne una pista forestale realizzata di recente, che inizia poco oltre il bar con una rampa cementata che si stacca sulla destra (catena con lucchetto da scavalcare). Dopo le prime rampe cementate si passa alla terra battuta; salendo tra una sgommata e l’altra ripensavo alle prediche del saggio Alvise sul perchè le nostre piste forestali “vadano in mona” così rapidamente, rispetto a quelle austriache: pendenza eccessiva, sezione piatta,  assenza del canale di scolo a monte e canalette  trasversali insufficienti e subito intasate…

Tornante eroso, canaletta sommersa

Tornante eroso, canaletta sommersa

Proprio com’è accaduto  in questa, realizzata pochi anni fa, che mostra già i segni dell’erosione del fondo. Si sale comunque, anche se contrariati un po’meglio dopo aver scoperto che la gomma posteriore aveva troppa pressione, una sgonfiatina e il grip migliora. Per la verità anche il fondo stradale migliora  e solo i tornanti sono rovinati. Si giunge in Casera Faeit, dove si incrocia la vecchia pista che ho percorso qualche anno fa in discesa.

pantiane 003

Qui per 200 metri la pedalata diventa improbabile: il fondo è stato ricoperto di ghiaia grossa ed è preferibile scendere e spingere la bici. Ben presto si torna in sella e nella parte alta le cose vanno meglio. Le ultime rampe, cementate, sono anche abbastanza impegnative  e l’arrivo alla cappella votiva è benvenuto.

pantiane 005

Si gira a destra in discesa e comincia il divertimento. Dopo un centinaio di metri, invece che scendere verso Cima Corso si tira diritti su bel fondo erboso e con una serie di veloci saliscendi si raggiunge lo Stavolo Iof, un tempo partenza della pista di sci. Qui si attraversa una pista forestale di recentissima costruzione (non ce n’è traccia neppure nella nuova Tabacco) continuando oltre lo stavolo  in saliscendi lungo il sentiero CAI n.239. Si incrocia di nuovo la pista forestale e questa volta è meglio seguirla, in salita blanda, per il breve tratto che porta al piazzale dove si interrompe.

Qui, sul margine destro, si riprende la traccia CAI che diventa , dopo un tornantino secco, una fantastica picchiata su fondo perfetto. Si piomba sulla pista forestale che arriva dalla Forca di Priuso e la si segue verso destra fino alla fine, 200 metri dopo, in località degli stavoli Pantiàne, diroccati ma ancora suggestivi con i loro muri a secco di artistica fattura.

pantiane 007

Qui, aggirati i ruderi, il sentiero CAI cambia numero (241) ma il terreno rimane quello alterno tra bosco e prato, con una traccia a volte un po’ scavata ma sembre ben visibile e ciclabile. La discesa è veramente fantastica e quasi sempre priva di ntoppi o tranelli.  Solo verso la fine aspettatevi qualche passaggio un po’ più tecnico e infossato. In ogni caso, che ce l’abbiate fatta a rimanere sempre in sella o meno, credo che arriverete alle magnifiche case Pascàt soddisfatti.

Si torna su asfalto per una bella picchiata a zig zag verso Lunas e quindi Caprizzi. Sviluppo chilometrico sconosciuto (computer scarico), dislivello 700 metri circa, asfalto gli ultimi 2 km, ciclabilità quasi totale. Volendo, si può allungare un po’ il giro facendo base a Cima Corso e, dal piazzale, risalire la strada prima cementata e poi sterrata che, dopo aver sfiorato le case di Fontana, giunge proprio sulla curva dove ha avuto inizio la mia discesa. Cartografia Tabacco 02 (2014).  Sulla nuova cartina troverete anche le nuove piste forestali realizzate in Caprizzi sulla destra orografica del Tagliamento, che permettono eventualmente di ampliare la percorrenza.

pantiane 008

 

Annunci

~ di calcarea su settembre 26, 2014.

6 Risposte to “(Super!) Giro degli Stavoli Pantiàne”

  1. Per chi come me non conosce la zona, senza una traccia ne una cartina risulta fattibile seguendo solo le tue indicazioni?
    O rischio di perdermi?

  2. Impossibile perdersi. Meglio se hai una cartina Tabacco aggiornata (la 02 è appena uscita, prendila). Sono tutti sentieri segnati CAI o piste forestali.

  3. Alla fine ci siamo andati, inizialmente abbiamo provato a salire per la vecchia “forestale” adiacente al ponte sul tagl.to, da evitare. Allego traccia anche se effettivamente è difficile sbagliare,anche se noi stavamo per salire per Lunas,la rampa giusta (oggi senza catena) è 150mt dopo (o prima) il bar. Confermo quanto sopra descritto, bel sentiero,divertente nella parte alta, sotto invece la nostra tecnica ci ha costretto parecchio sui freni 🙂
    http://www.gpsies.com/map.do?fileId=cyqsvwfrjjqgwsnd

  4. Grazie per la traccia gps! Ciao!!

  5. Scusate ma da loc. case Pascat il 241 non prosegue fino a b.go Lunas?
    Lucianomtb

  6. andati oggi,giro bellillimo, confermo, come dice Luciano, che da case Pascat infondo a destra si nota su un albero il segno bianco-rosso drl sentiero che continua fino a Lunas. Grazie Gianni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: