Anello S.Giorgio di Resia – Stavoli Ruschis

I dintorni di Moggio e la Val Resia sono uno dei terreni con la maggior concentrazione di gite in mtb di altissimo livello. Questa, seppur breve, è di sicuro una di quelle  consigliabili.

Dopo aver tanto cercato questa benedetta discesa son riuscito a trovarla! Avevo letto su uno dei siti internet  di mtb della Regione (lamontagnainbicicletta.it) di questo anello che comprendeva una discesa molto bella e impegnativa e per ben due volte, lo scorso anno, ho fatto cilecca, non riuscendo a trovarne l’imbocco. L’ultimo tentativo si era risolto in un’avventura con bici in spalla lungo un sentierino sul conoide di una frana.

Oggi ho capito che non avevo interpretato al meglio la descrizione, sbagliando direzione al bivio degli stavoli Ruschis. La discesa è davvero interessante e consigliabile, anche se non ciclabile del tutto, almeno per le capacità del sottoscritto. Diventa più problematica e meno piacevole se non avete una bi-ammortizzata.

Descrizione: parcheggiata l’auto a San Giorgio di Resia, subito dopo la chiesa,  ci si dirige su asfalto a Prato di Resia e qui si imbocca sulla sinistra la pista sterrata, con qualche tratto cementato, che porta in località Sagata (tabella CAI) . Dopo poco più di 5 Km la salita sembra aver termine a e a un bivio giriamo a sinistra seguendo le indicazioni di una tabella CAI, verso Resiutta e gli stavoli Ruschis.

Il percorso si snoda sulla dorsale di questo gruppo di cimotti che separa il Canal del Ferro  dalla val Resia, con un continuo alternarsi di salite e discese su fondo discreto e visuale panoramica dalle Babe al Plauris  fino all’Amariana da un lato  e al Pisimoni fino a Lis Gleris dall’altro.   Si sfiora subito un bel rustico ben ristrutturato.

Più avanti ancora un bel gruppetto di stavoli. Si giunge infine a un gruppo di casolari più consistente, quello di Ruschis, dove si gira a sinistra e si percorre un tratto in leggera discesa su fondo più veloce perchè erboso.

In prossimità di una curva a destra inizia il sentiero di discesa, riconoscibile per i segni di vernice rossa e la tabella di segnalazione bilingue (Bila – San Giorgio).

La discesa è lunga e per gran parte ciclabile, con qualche tratto scorrevole e veloce, ma caratterizzata da numerosi scalini, quasi tutti percorribili in sella. Si attraversano dei brevi ghiaioni e qualche rivolo e si risale a volte per piccoli tratti rimanendo senza difficoltà sulla bici. Alcune brevi picchiate su roccette obbligano i meno temerari, me compreso,  a scendere.

Si sbuca sui prati sopra S. Giorgio e in breve si raggiunge la chiesa e il parcheggio.

Dettagli: sviluppo 14 km circa, dislivello complessivo attorno ai 700 metri. Ciclabilità 95%, asfalto meno di 2 Km.

Annunci

~ di calcarea su aprile 30, 2012.

3 Risposte to “Anello S.Giorgio di Resia – Stavoli Ruschis”

  1. Percorso 12 della guida…

    • Diversamente da altri pubblicisti e divulgatori, di solito cito le fonti di ispirazione, ma pur conoscendo la guida e avendone spesso scritto su Calcarea, questo giro mi era sfuggito. Ma un “ciao” non me me lo meritavo? Mandi…

  2. Sfuggito ? Ma..allora non li hai fatti tutti ? Vedi di rimediare..
    Mandi mandi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: