Lunge-Mignezza-Imponzo

Tolmezzo-Lunze-Oltreviso-Mignezza-Imponzo

Tecnico e veloce, il trail CAI 411  si sviluppa fra Illegio e Imponzo, a metà di un anello di 25km con partenza e arrivo a Tolmezzo.  Consigliato a chi non detesta una spintarella qua e là e qualche passaggio a piedi e predilige il trial.

Ottimo in primavera quando la vegetazione è ancora in letargo, bucaneve e ciliegi in fiore fanno da contorno a questa gita davvero emozionante.

Partenza-arrivo “al Benvenuto” di Tolmezzo, Distanza totale km 20,25, Dislivello totale 865 mt. Impegno fisico salita: medio, Impegno tecnico discesa: medio-alto a tratti, Periodo consigliato: primavera

La località  Lunze è raggiungibile (nel nostro caso) partendo dal ristorante al Benvenuto di Tolmezzo, dove iniziando a pedalare in direzione del centro bisogna svoltare a destra in salita verso la località Betania.

Su asfalto si superano le ultime case e costeggiando la palestra di roccia, sempre sulla strada principale si raggiunge dopo 3,21 km la frazione Illegio.

Giunti ad Illegio è necessario mantenere la destra al primo bivio su via Carso e continuare sulla principale fino ad uscire dal paese e immettersi sulla strada vicinale di Lunze.

Si supera una discesa e costeggiando il rio Frondizzon si inizia a salire con qualche rampa impegnativa.

Passati due ripidi tratti cementati , la strada concede tregua, le pendenze calano notevolmente e dopo dei tornanti si raggiunge il pianoro di Lunze.

Bisogna fare attenzione a mantenere la via principale su asfalto senza svoltare ai bivi che si incontrano, seguire le foto di seguito.

Al km 7,69 è il momento di abbandonare il nero bitume e svoltando a sinistra su un ampia strada forestale sterrata raggiungere una seconda diramazione a cui prendere a sinistra in un magnifico bosco di faggio.

Si sale su strada sterrata dal fondo compatto, qualche breve rampa ci porta ad un pianoro seguito da una discesa che ci riporta sul versante Illegiano.

Pedalando in saliscendi purtroppo non panoramico ma piacevole,  si scollina facendo attenzione al km 10,17 sul ciglio destro l’attacco del sentiero CAI 411.

La discesa inizia subito scorrevole, qualche radice e qualche pietra non sono d’intralcio.

Poco dopo la traccia si restringe curvando verso destra e con un passaggio esposto raggiunge delle transenne in legno, dove, se come me avete il manubrio stile “deltaplano” dovrete scendere dalla sella e procedere a piedi qualche metro fino al greto del rio Mignezza.

A questo punto, la traccia si perde fra i sassi del rio, vi sarà molto utile la foto di seguito, si  punterà in diagonale la sponda opposta.

Avete trovato la traccia???

Bravi!!! Come premio ora vi sparate una bella salitina di 5 minuti con bici a spalla!

Tutto qui… ora non si spinge più! È giunta l’ora di fiondarsi in discesa verso Imponzo.

Un primo tratto costeggiato da prati ci porta agli stavoli Mignezza (km 11,05), poco dopo sulla destra è presente una cappella votiva e un crocefisso in legno, la traccia continua ben marcata e senza diramazioni.

La traccia inizia a farsi insidiosa con molte foglie e passaggi tecnici, è necessario seguire la via principale con l’ausilio delle foto.

Attraversiamo un tratto acquitrinoso con del fango e un bivio a cui svoltare a destra (la traccia a sinistra porta ugualmente alla strada sottostante) si scende con notevole pendenza sino alla cementata “Vicinale Stavoli Palis”

Ora, sulla cementata per una cinquantina di metri, al km 12 sulla sinistra prima di una curva dovremo piegare su singletrack.

Si scende senza grosse difficoltà facendo attenzione ai numerosi segnavia CAI, sono presenti delle laterali che portano a degli stavoli ma con tracce poco battute, è quindi impossibile sbagliare.

Lungo la discesa attraverseremo un tratto dove la vegetazione si dirada permettendo uno sguardo sulla vallata sottostante e alcuni stavoli con bellissimi ciliegi in fiore.

Incroceremo proprio sul sentiero una costruzione rurale con il segnavia dipinto su un angolo, lasceremo la costruzione alla nostra sinistra scendendo qualche tratto scalinato.

Qualche metro con bici a mano per un passaggio impossibile ci porta ad una colonnina con l’indicazione “Troi par Vuargnee”, ma noi proseguiremo in discesa senza seguire l’indicazione (seguendo la traccia lungo “Vuargnee” a sinistra, il sentiero è più scorrevole e si apre dalla folta vegetazione poco dopo il bivio uscendo sopra il paese di Imponzo).

Ancora in sella per il finale molto trialistico che conduce, dopo due stretti tornanti, al mulino di Imponzo confluendo su… via Mignezza, logicamente!

All’incrocio con l’asfaltata prenderemo a sinistra verso il centro del paese e attraversandolo ci porteremo su “via latteria” svoltando a sinistra e al km 13,62 lasceremo l’asfalto a favore di una mulattiera che si stacca a sinistra.

Sarà necessario seguire la mulattiera fino a confluire sulla statale e svoltando a sinistra costeggiando il torrente But raggiungere Tolmezzo.

Seguendo le indicazioni per il centro raggiungeremo poi il punto di partenza.

Devis Deotto

 

 

 

Annunci

~ di calcarea su aprile 11, 2012.

4 Risposte to “Lunge-Mignezza-Imponzo”

  1. there is not the right trail if you don’t try to ride all…

    • Ma Devis, su facebook scrivi in friulano (carnico-gnau più precisamente) e su Calcarea in inglese, però sui tempi di percorrenza, che ho deliberatamente omesso nella trascrizione del tuo bel post, il linguaggio è quello del cronometro! Come cavolo si fa a chiudere questo giro in un’ora e mezza?! A me sembra già un’impresa arrivare in Lunge in 50 minuti….

  2. oramai è una moda inglesizzare le frasi….fanno più effetto….

    italiano:non c’è sentiero giusto se non provi prima a percorrerli tutti…

    cjargnel: un troj a no le iusct se prin no tu provas ancja duch chei altris
    (traduzione in carnico non attendibile….).

    Per i tempi di percorrenza e la descrizione iniziale…

    Partenza-arrivo “al Benvenuto” di Tolmezzo
    Distanza totale km 20,25
    Dislivello totale 865 mt
    Pend. Med. Salita 9,2%
    Pend. Med Discesa -10,1%
    Pend. Max Salita 37,2%
    Pend Max Discesa -36,2%
    Impegno fisico salita: medio
    Impegno tecnico discesa: medio-alto a tratti
    Periodo consigliato: primavera
    Durata: 1.30 senza soste

    Per durata senza soste intendo il tempo reale che il gps si è mosso…non posso scrivere l’ora effettiva di partenza e arrivo… perchè se poi l’anello lo fai tu e ci impieghi di meno…che figura da schiappa ci faccio???? 🙂

  3. Purtroppo non ho visto il segno distintivo del sentiero indicato sull’albero, nella foto n. 3.
    Ho proseguito per la mulattiera. Al primo bivio ho preso la diramazione a destra. Sono sceso circa 500 mt. ma poi la mulattiera finisce. Sono ritornato indietro ed ho preso la mulattiera a sinistra (la prima parte cementata) Ho proseguito per circa 1 km e al bivio ho preso la parte alta con scollinamento verso Imponzo. Dopo un altro km la pista forestale finisce.
    Sfiduciato sono ritornato indietro, pensando di tornare in Lunge. A questo punto ho visto la identificazione del sentiero, ed un cartello nuovo in legno che indicava “IMPONZO”. E quindi ho proseguito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: