Blas

Calcarea.: Oilà, Blàs, ce pore chi mi veis fàt! No pensavi di cjataa  qualchidun achì  vuei…ce faseiso di chestes bandes?

Blas.: Oh  bundì! …soi vignut a iodi i lavors chi veis fàt. A l’ere un biel poc di timp chi no rivavi fin cassù; .. di quant chi vèvin lis cjaris…iodèiso ches stangjes alì abàs? Lis dopràvin par tegnìlis sot tet!

(Calcarea .: Ohilà Biagio, che paura mi avete fatto! Non pensavo ci fosse qualcuno… come mai da queste parti?

Biagio.: Oh , buongiorno!… son venuto a vedere i lavori che avete fatto. Era un bel po’ di tempo che non mi spingevo fin qui, da quando ci portavamo le capre…vedete quelle assi di legno? le usavamo per fare con un telo cerato una specie di tettoia!)

 

C.: Dut ben?

B.: avonde…sa nol fòs par chel purcìt di diabete cal mi tormente. Lis  gjambis no vadin indevànt, i ai vut pore di no rivaa insomp vuei. Ma vuatris rivàiso a rimpinasi su par chest crèt?

(C.: tutto bene?

B.: abbastanza…se non fosse per questo porco di diabete che mi tormenta. Le gambe non vanno, ho avuto paura di non farcela a camminare fin qui. Ma voi riuscite a salire su questa roccia?)

 

C.: Si ciir…chei pui fuarts a rìvin a laa  sù in  dutis lis viis…ca sarèsin  chees cun che rie di  anèi di fier…

B.: Orpo…ai miei timps a si metèvin i clauts cul martièl…alòre i tacais lis  staffis in chei anèi? Ma ce graat  èsal alore, sest superior?

(C.: si prova…quelli più forti riescono in tutte le vie…che sarebbero  quelle serie di placchette di metallo..

B.: Orpo…ai miei tempi si mettevano i chiodi col martello….Quindi mettete le staffe in quegli anelli? Ma che grado è: sesto superiore?)

 

C.: No, no!.. no si doprin pui li staffis…si cjàpisi dome tal crèt e si doprin i anèi par meti i moschetòns e la cuarde! Però tu metis i anèi cul trapano vignint  iù da disore, picjat ta la cuarde! Chi a si rive fin al decim graat…

B.: Ce vularesie dii decim graat? Io i savèvi ca si rivàve fin al sest. Però che robe  dal trapano mi par grose: ce bravure sarèsie? Cjale lì ce raze di cuarde fine…parcè varèsie chel color di mudande di femine?

(C.:no,no, non si usano più le staffe…ci si prende solo alla roccia e si passano i moschettoni e la corda negli anelli! Però gli anelli si mettono col trapano calandosi da sopra con la corda! I gradi qui sono fino al decimo…

B.: Decimo cosa vuol dire? Io sapevo che non c’era più di sesto. Però questa del trapano è ancora più grossa: non deve essere una gran cosa…Guarda lì che razza di corda fina …perché ha quel colore da biancheria intima femminile?)

 

C.: Cumò a fasin cuardes ca tegnin un grum ancje sa son sutiles e a lis colorin cemut ca vulin, daur da mode…

B.: Ce robes; ài ioduut par television un omp  cal rimpinave cence cuarde, dome cun tun paar di bregonùz come chei dai zuadors di balòn e un sac di pòlvare blancje par meti dentri lis mans. A disèvin ca coventàve pal sudòr…

(C.: Adesso fanno corde che tengono moltissimo anche se sono sottili, e le colorano come vogliono…

B. Che robe… ho visto alla tv uno che andava su anche senza corda, aveva solo un paio di calzoncini tipo calcio e un sacchetto di polvere bianca dove metteva le mani. Dicevano che era per il sudore…)

 

 

C.: Sarà staat chel franceis…ma nòn no  fasìn ches robes di màts, i vìn la cuarde e l’imbragadure par leàsi: ve chì ca è. La vèviso ancje vuatris?

B.: No, i si leàvin diretamenti ator da  vite. Dio, nue ce iodi cul vuestri armamentari, ma si divertivin istès… e ce vèiso scrit sul cret? No mi  par bon però

(C. sarà stato quel francese…ma noi non facciamo quelle robe da matti, abbiamo la corda e l’imbragatura per legarsi: eccola. Le avevate anche voi?

B.: no. Ci si legava direttamente con la corda in vita. Dio, niente a che vedere con la vostra attrezzatura, ma ci si divertiva lo stesso…e cosa avete scritto sulla roccia? non è bello da vedere…)

 

C.: A si scrivin i noms das viis. Ve chì can d’è une ancje par voatris, iodèiso? :“Bugars”. A sarès une das pui dificilis…

B.: Ma si dèvie propit scrìvi ?… par television a mostravin ancje ìnt ca fasève une gare di rimpinasi su pai panèi di len, robis di mats! Fasèiso gàris ancje achì in Cjarandes? 

(C.: si scrivono i nomi delle vie. Qui ce n’è una anche dedicata a voi , vedete? “Bugars”. E’ una delle più difficili

B.: ma si deve proprio  scrivere ?  …in quel programma tv mostravano anche degli scalatori che facevano una gara su dei pannelli di legno, robe da matti! Fate gare anche qui in Cjarandes?)

C.: No, Blas, lis garis a si fasin dome metìnt sui panèi dai appiglios di resine ca somèin al crèt…

B.: Ma no esal pui biel come achì, cun chest panorama ca ti somee di iesi sore di Tumiez cul elicotero?

(C.: no Biagio, le gare le fanno mettendo sui pannelli degli appigli di resina che assomigliano alla roccia…

B.: ma non è più bello come qui, con questo panorama che ti sembra di essere in elicottero sopra Tolmezzo?)

 

C.: Ce vulèiso, ognun a l’à i siei gusc. Ancje a mi mi plas di pui achì. No fasìn gares ma andè simpri un pocje di competizion tra di noatris…

B. : Par ce robe, vincèiso alc? come  un premi o beez? Beh, i timps a son cambiaaz e io i sei deventàt mase vecjo par capii. Tipo no rivi a capii chei ca cjalin chei paiazos ca stan sunt un  Isule, o mieze Italie ca mande un bandiit al Governo, figurinsi si capis la vuestre competizion!…ma cumò us lasi rimpinaa… i sei curioos di iodi…

(C. : cosa volete, ognuno ha i suoi gusti. Anche a me piace di più qui. Qui non si fanno gare ma c’è sempre un po’ di competizione tra di noi..

B. : per che cosa? Vincete qualcosa tipo dei soldi o un premio? Beh, i tempi sono cambiati e io sono un po’ troppo vecchio per capire. Tipo: non riesco a capire quelli che guardano quei pagliacci che stanno in un Isola, o mezza Italia che manda un manigoldo al Governo, figuriamoci se capisco la vostra compezione!…ma adesso vi lascio arrampicare, son curioso di vedere…)

B.: Madone, frutz, ma seiso màtz? No veiso pore di fasi maal? A l’è saltaat iù come nue… par fortune che la cuarde no si è rote!

C.: Cjalait ca l’è normaal svualàa sunt une vie dificil, no suceit nue…i fisher a sòn di aciar inosidabil, luncs dis centimetros

(B.: Madonna, ragazzi, ma siete matti? Non avete paura di farvi male? E’ saltato giù come se niente fosse…per fortuna la corda ha tenuto!

C.: Guardate che è una cosa normale fare qualche voletto sulle vie difficili; non succede niente…i fisher sono di acciao nossidabile, lunghi 10 cm!)

 

B.: Ma si lais a sbàti cuintri il cret? No veis nancje il casco…

C.: Parcè vuatris vèviso il casco?

(Ma se sbattete la testa contro la roccia? Non avete neppure il casco…

C.: Perché B.: voi avevate il casco ?)

 

B.: Si ma, frut gnò… nòn no si saltàve iù nancje pa  l’As di Cope. Ma quindi cui varèsie vinciut tra vuatris doi cumò?

C.: Scusait Blas, no mi sei fat intindi. Us vulèvi dii che and’è un pocje di competizion parcè chel cal faas robes pui dificiles a si sint pui fuart e chei atris ai àn un  pocje di invidie…

(B. Eh, ragazzo mio, ma noi non saltavamo giù neanche per l’Asso di Coppe! Ma adesso chi ha vinto di voi due?

C.: Scusate Biagio, mi son spiegato male. Volevo dire che c’è un po’ di competizione, che chi fa le cose più difficili si sente più forte e gli altri lo invidiano un po’….)

 

B.:Il pui fuart a l’è chel cal torne a cjase content e sàn la sere. E parcè invidie? Se il to compagn a l’è stat pui braf tu varèsis di fa fieste, no? Un tai…ancje doi!

C.: ma atènt cul diabete…  ca nol  và d’acordo cui tais, eh!

(B.: Il più forte è quello che torna a casa contento e sano, la sera! E perché l’ invidia? Se il tuo compagno è stato più bravo  si dovrebbe festeggiare, no? Un taglietto e anche due…

C.: ma attenzione col diabete che non va d’accordo coi taglietti, eh!?)

 

B.: A l’ère par mut di dii…però cumò us saludi e mi tiri in iù parcè che i la varai lungje fin tal stali…quant chi veis finiit fermaisi a bevi il caffè, come che i  fasèvis in Plote!

C.: Biei timps quant chi  vèvis la Casere Plote cui vuestris fràdis, eh, Blas! In veis viodùtz di alpinisc ca pasàvin a bevi un caffè o a cjoli un poc di formadi!

(B.: facevo per dire…comunque io adesso vi saluto perché starò un bel po’ per tornare fino allo stavolo…quando tornate giù fermatevi che vi faccio il caffè, come si usava in Plote!

C.: bei tempi quando voi fratelli avevate Casera Plotta eh, Biagio! Ne avete visti di alpinisti passare e fermarsi a bere il caffè o a comprarvi il formaggio!)

 

B.: ultimamenti non d’ere pui tant  trafic…la Cjanevate no va pui di mode. E cheste gioventut mi sa tant che d’istat a va pui vulintìr a Lignan! E a domandin di entraa alla Seima a mesedaa fanài dute la vite puitost che faa un biel mestìr come il nestri o ancje une atre robe qualsiasi, il miedi magari… Biatz mai loor….!!!   Bon,  mandi alore…!

(B.: ultimamente non c’era un gran traffico. La Cjanevate non è più di moda. E questa gioventù mi sa tanto che preferisce andare a Lignano d’estate! E chiedono di entrare in fabbrica a maneggiare fanali per tutta la vita piuttosto che fare un bel mestiere come il nostro, o anche un’altro qualsiasi, come il medico…Beati loro! Bon …. allora  arrivederci!)

Lino e Pieri Adami (i “Bugars”) in Casera Plotta

 

Biagio Adami era uno dei “Bùgars”, famiglia di allevatori  proprietari dello Stavolo di Località Cjarandes, nei cui pressi si trova l’omonima  Falesia (tutte le fotografie, tranne l’ultima, sono state scattate lì)

Annunci

~ di calcarea su marzo 18, 2011.

Una Risposta to “Blas”

  1. Beh, par fortune no duç i giovins han dismenteaat la cjanevate.. Mase fuart il vecjo.. ” ce ese? sest superioor !? =-)
    La robe piees a è finii a fa i miedis, no doc??

    Cmq troppo forte il vecchietto, l’ho trovato anch’io andando in Cjarandes l’unica volta che ci son stato (e chiaramente a guardare, non certo a scalare!)
    Mandi Omarut

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: