Traversata del LOVINZOLA (Verzegnis)

Consiglio questo itinerario panoramicissimo solo ai veri stoici della mtb, come  chi me l’ha consigliato (e la prossima volta non la passerà liscia…), perchè pur essendo di sicuro un esperienza interessante non solo paesaggisticamente, mette a dura prova la resistenza media del ciclista nello spingere o portare a spalla la bici, ricompensandolo, ma non quanto meriterebbe, con una discesa non particolarmente avvincente e un bel traverso lungo ed erboso.

Villa Santina, Lauco e frazioni e gruppo del Coglians

Il tutto si svolge lungo le pendici del Monte Verzegnis, o meglio di una delle sue numerose propaggini (il Lovinzola), che si raggiunge con la classica sterrata di Presaldon, oggi un po’ affollata dai camion della Cava.  Chi se la sentisse potrebbe concatenare in salita o in discesa l’anello di Chiampaman, che rimane  uno dei percorsi classici e da gara più interessanti della Carnia, oppure quello di Preone – Plan Vidal. Ma son cose che si può permettere chi ha più gambe e minor permanenza all’Ufficio Anagrafe… Da Presaldon in poi, per raggiungere  Casera Lovinzola, un  calvario di 45′ minuti, seguito dal bel  traverso e dalla discesa verso casera Palis, già in Val di Preone; e dalla valle su verso Sella Chianzutan. Panorama mozzafiato che si estende dal Canin  fino ad oltre il Peralba, con vista “da elicottero” sui paesi delle Valli  Tagliamento e Degano.

Descrizione: lasciata l’auto in Sella Chianzutan si scende per un chilometro verso Tolmezzo, per imboccare sulla sinistra la strada, per un breve tratto asfaltata, che porta alla cava di marmo. Salita con pendenze rilassanti e fondo un po’ rovinato dai camion, che in 4 km porta alla Casera Presaldon.

Presaldon, Montasio e Canin

 Dopo la Casera si prosegue  per 500 mt. fino al tornante successivo, dal quale si stacca un sentiero con segnaletica CAI che in 40-50 minuti  conduce a Casera Lovinzola di Sopra. Questo tratto del percorso è abbastanza disagevole;  ci si mette in sella ben poche volte e per tratti brevissimi; per il resto tocca spingere o accompagnare la bici, a volte anche prenderla in spalla per superare qualche strettoia.

Casera Lovinzola

Chi te lo fa fare?  mi chiederete! Perchè proporre questa gita a tutti e non solo a masochisti o talebani della mtb? Perchè la traversata  che si snoda da Casera Lovinzola è interamente ciclabile, con un fondo discreto e soprattutto con un panorama fantastico.

 Giunti sul versante che si affaccia sulla Val di Preone la traccia si restringe e comincia a scendere a tornanti. Peccato che le slavine abbiano rovinato alcuni tratti del sentiero, che altrimenti sarebbe interamente percorribile in sella. Giunti in uno spiazzo con tabella CAI indicante Preone,  si tiene la sinistra per dirigersi verso Casera Palis. A questo punto il sentiero è diventato una comoda strada forestale che, oltrepassato l’edificio della Casera rinnovata  lascia a sinistra i ruderi di quella  vecchia e si dirige con numerosi tornanti e fondo a tratti cementato fino a fondovalle.

Palis

Si sbuca sulla strada asfaltata della Val di Preone proprio in prossimità del bivio che conclude un altro bel percorso di mtb della zona, quello di Pezzeit-Plan Vidal. A chi avesse gambe e voglia per concaterare  questo gioellino consiglio però di scendere verso Preone e affrontarlo nel verso più interessante (seguire comunque le tabelle di Carnia Bike). Io ne avevo già abbastanza e son risalito verso Sella Chianzutan, girando a sinistra al bivio: un chilometro in piano e 4 di salita leggera.

Val di Preone

 Dettagli: sviluppo attorno ai 22 Km (il ciclocomputer non conta i passi!) Comunque 5 km di salita in sella, poi 40′-50′ di bici in mano, quindi 2-3 km di traversata. Discesa single track fino a Palis 2 km circa, poi sterrata 4 Km circa fino a fondovalle. Risalita a Sella Chianzutan altri 5. Dislivello totale attorno ai 7-800 metri. Tempi di percorrenza 3-4 ore.  Niente acqua sul percorso.

21.09.2010  (grazie a Gjate che si è sacrificato)

Annunci

~ di calcarea su settembre 24, 2010.

9 Risposte to “Traversata del LOVINZOLA (Verzegnis)”

  1. mi piace leggere CALCAREA perchè c’è una “buona parola” per tutti.Sono contento che oggi sia toccato a me.
    il prossimo giro che ti consiglierò cercherò di sceglierlo con più cura.
    bravo gianni

  2. Una info,è ciclabile in senso inverso? cioè da preone a lovinzola e poi scendere in plera?

  3. Se ben ricordo si. Se lo vuoi fare in senso inverso potresti anche provare a scendere da Casera Lovinzola di sotto (quella diroccata) verso il Pian dell’Agnello e poi per pista a Presaldon. A proposito di Presaldon, sai se ci sia una discesa verso Invillino ciclabile? Mandi

  4. Da Presaldon purtroppo no….puoi scendere dalla forestale nuova che si collega 4 km dopo la casera…prendi a sinistra all’unico bivio in discesa (andando diritto arrivi a sella chianzutan) e arrivi sulla comunale che collega Assais a Chiampomano, arrivato all’asfato continua a sinistra e a Chiampomano prendi a destra, fai la rampa ciottolata, 1 km di sterrato e vedrai (alla prima salita su sterrato) che sulla sinistra (alberi segnati in rosso) parte un sentiero che ti porta sulla provinciale di Invillino a 500 mt dall’imbocco per cascata Plera…occhio che il sentiero nella parte finale è da puro trial…

  5. Fatto giro del lovinzola da villa santina-preone-forestale 807-casera palis-forchia rizzat-malga lovinzola di sopra e di sotto e poi sentiero 806 fino ai fortini di plera…salita non estrema e discesa su single impegnativa ma non impossibile 1300mt di dislivello su sentiero nel bosco…bellissima uscita,molto panoramica che consiglio a tutti…ps:se fatta con bici full dalle escursioni abbondanti…

    • Ho qualche dubbio sul tratto da C. Lovinzola di Sopra a C. di Sotto. L’ho fatto a piedi anni fa e mi era sembrato molto impervio, e invaso dalla vegetazione. Secondo te quali sono i punti meno ciclabili di questo giro? Inoltre: in Forchia Rizzat arriva una pista nuova che forse parte da Preone (sentiero 804?). Ne sai qualcosa? Perchè non ci scrivi un bel post su questo giro e lo pubblichiamo? Mandi e grazie delle segnalazioni!

  6. Da casera Lovinzola di sopra a quella di sotto è impegnativo ma pulito, con l’umido del mattino o la pioggia è molto scivoloso…ma a noi piace così, trovare un pò di tutto nei sentieri, la prima parte dopo Lovinzola di sotto e molto scavata e con fango, bisogna inoltre fare attenzione al bivio 150 mt dopo la seconda casera, il sentiero CAI prosegue a sinistra con un angolo retto e non come sembra diritto…
    Da qui in poi le pendenze sono notevoli, quindi l’uscita è da sconsigliare con bici front o a chi ha timore del “ripido”.
    Verso Valdagnello (in confluenza con la pista forestale per Chiampomano) bisogna porre molta attenzione a non perdere di vista il CAI 806 che parte sulla sinistra sotto un tornante.
    Il sentiero dopo questo bivio prosegue meno tecnico ma sempre impegnativo fino all’incocio per cascata plera, a questo punto prenderemo a destra (siamo quasi a livello del fiume) per dirigerci verso la strada sterrata che collega Invillino a Verzegnis
    Ho rilevato la traccia gps e la metto a disposizione di chi volesse fare questa magnifica “pedaltrialata”.
    Posso prepararti un post con foto e mandartelo via mail…

    Probabilmente sabato 1 ottobre rifarò il giro “da guida” con 2 amici che in ricognizioni non sono potuti venire…se ti fa piacere, aggregati pure…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: