VAL AUPA – Bevorchians-Griffon-Gran Cuel in mtb

La Val Aupa è una vera e propria miniera di percorsi più o meno ciclabili. Di questi, molti sono noti  da anni e ampiamente recensiti e descritti sulle guide cartacee e mediatiche. Impossibile quindi, specie per un “estraneo”, scoprire qualcosa di nuovo, se non percorrendo itinerari molto  conosciuti in maniera un po’ diversa. E’ il caso di questo anello, molto frequentato in senso opposto e addirittura proposto quest’anno come gara del circuito agonistico dell’alto friuli ( Malga Glazzat). La variante di discesa a valle, lungo il sentiero CAI  435a attraverso Casera Lius e  la borgata di Gran Cuel, era già presente in un bel libricino sui percorsi mtb del moggese. Ve lo propongo comunque perchè in un breve sviluppo chilometrico permette di affrontare  salita e discesa  impegnative ma non estreme, quasi sempre al riparo dal sole, con qualche scorcio panoramico impressionante sul gruppo della Grauzaria e con fondo quasi sempre accettabile se non addirittura buono. 

 

Descrizione. :  si parcheggia nello spiazzo che fa da bivio per la borgata di Bevorchians, che si raggiunge e si supera con un primo tratto asfaltato il cui fondo diventa poi cementato e infine sterrato, sempre in discrete condizioni di aderenza. Dopo i primi 2km impegnativi la pendenza comincia  a dare qualche attimo di respiro e al 4° km troviamo un tratto di falsopiano e discesa. Si raggiunge sella Griffon dopo 7,2 km, con ancora qualche rampa in salita; fin qui troverete  un  unico bivio, nel quale dovete girare a sx. In sella Griffon si gira a destra in salita (scendendo a sinistra ci si dirige verso Paularo) e si affronta un tratto di saliscendi e poi una discesa con qualche tornante.

Griffon

 Al km 9,2 tenere la sinistra a un bivio dove si intravede, sulla destra, una capanna di boscaioli.  La strada riprende a salire e un tornante che gira a sinistra vi impegnerà molto, anche per il fondo sassoso. E’ possibile anche che troviate dei tronchi sulla strada, come è successo a me.

Dopo una rampa più pedalabile di quel che sembra la strada scende per 100 mt e si giunge a un bivio. Girando a destra si potrebbe completare l’anello rientrando su strada sterrata attraverso la borgata Cueste d’Andri, evitando la discesa tecnica che sto per consigliarvi, assolutamente da non perdere! Invece che girare a destra proseguite allora  con salita di medio impegno fino a un piazzalino con due panchine.

il bivio fantasma

Qualche metro prima delle panchine un segnavia CAI quasi invisibile vi indicherà l’inizio della discesa (subito dopo c’è la Tabella) lungo il sentiero 435a, che in pochi minuti vi porterà ai ruderi di Casera Lius, oltrepassata la quale (traccia un po’ nescosta da erba e ortiche, per soli  20 metri) vi aspetta un bel tratto di mulattiera nel bosco. Si sbuca sulla strada sterrata che rappresenta la discesa facile e la si segue per circa 1 km, fino a trovare sulla destra la nuova, questa volta evidentissima, tabella Cai che indica Gran Cuel. Questo è il tratto più entusiasmante della discesa, immerso in un fitto bosco misto. Si scende quasi interamente in sella (un tronco di traverso)  fino al borgo abbandonato di Gran Cuel. Oltrepassati i ruderi il sentiero continua ad essere ciclabile con un po’ di attenzione. A qualche minuto dalla fine smontare diventa obbligatorio: gli ultimi tornanti sono scalinati e invasi da pietre; questi 5 minuti con la bici in mano non guastano però il piacere di una discesa davvero appassionante. Sbucati sulla strada provinciale della Val Aupa, in pochi minuti di discesa si torna all’auto.

La fontana di Gran Cuel

N.B. L’anello può essere abbreviato e semplificato, oppure allungato per chi avesse ancora energie e voglia, salendo lungo la strada sterrata di Cueste d’Andri, che si incontra 2 km dopo Bevorchians, in direzione di Sella Cereschiatis. Salita di medio impegno con poche decine di metri iniziali asfaltati o cementati. Un solo bivio importante lungo la salita, nel quale dovete girare a sinistra. Dopo circa 7 km si incrocia il tracciato descritto qui sopra: al bivio si gira a destra e  in 1 km sarete allo spiazzo con le panchine  fotografato in precedenza. Da qui in discesa seguendo le indicazioni già date, verso Gran Cuel.

Dettagli: partenza e arrivo a Bevorchians in Val Aupa. Sviluppo 22 km circa. Dislivello in salita 850- 900 mt.  Ciclabilità 97%. Sterrato o sentiero 85%. Tempi di percorrenza dalle 2 ore abbondanti alle 3 e mezza. In ombra al mattino presto e nel tardo pomeriggio (ma gran parte del tracciato è immerso nel bosco). Acqua solo in Gran Cuel.

2 e 9 agosto 2010

Annunci

~ di calcarea su agosto 9, 2010.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: